Bitcoin, danè sbattù via I barbon s’hinn passà la vos: mai fidass, Ie ciappen no

 

QUANTI ANN hinn passaa L'era el 65 o 66, I Gufi eren giamò in pista. Regordi che mi fasevi i serad cont el gruppo in Versilia e che finida la giornada in television partivi vers i cinq e mezza (17.30)per rivà al local de Marina di Massa ai vundes (23). Tony Renis! El parlava cont l'America senza pagà perché l'era simpatich alle centraliniste. Come sentiven el so' nomm, eren pront a dì… “ quando, quando, quando ci vediamo ”. Con Cesare Cadeo che a volt el giuga a fa l'attor oltre al presentator gh'era anca el Memo Remigi. Chissà se el gh'ha in ment come mi de festeggià el compleann al dal Verme in on spettacol intitolaa “Ho ttanta voglia di vivere” . Gh'era anca Sante Palumbo, pianista, jazzista, l'homm che accaressa la tastera come la fodess ona mièe. Semm mai reussì a faa on spettacol insema e tucc i volt che se incontrom se promettom de trovass per parlann. E peu Enrico Beruschi che el scriv anca lu su Il Giorno, in italian, però. E Franco Visentin cont la soa Rotterdamm e Gli occhi Grandi del Valdi, e Barbara Fiorino che la faseva parte, ancamò tosetta, nei primm spedizion de beneficenza cont Reitano, Anelli, Martucci, Feldmann, Sironi. Elisabetta Viviani, semper sorridente e pronta a cantà Heidy. El diseva Cesare Polacco che el podeva recità tutt el repertori de Shakespeare senza che on spettator se regordass de lu, ma che l'era bastada la brillantina Linetti “Anch'io ho commesso un errore” per diventà famos. Inscì la Viviani. L'ha faa rivist, operett, commedi, ma l'è straconossuda per la soa Heidy. Gh'eren anca i fradei Viganò cont la verve solita e l'impiant. Gian Pieretti. Anca ch'el lì, ciuska! El po' cantà 50 canzon, e i e canta anmò alla grande, ma se el fa no “ti tirano le pietre” la gent la resta smorfiada (delusa). L'era lì col so chitarrist Claudio Damiani.

 

GH'ERA ANCAMÒ Tonino Scala e Silvia Cecchetto cont al piano Tonino Sel. E per conclud la rosa di partecipant, Grazia Maria Raimondi. Ona donna che ormai in teater l'ha fàa de tutt: soubrette, cantant de operetta, la Cecca, la commedia del '30, quella del '60, del '90, del 120, el cabaret. E l'è semper in apprension per el timor de affrontà el pubblic. E pensà che el Piero Mazzarella l'ha dit ( e se sa che l'era avaro in compliment) “ Ti te podet anca permettes de savè no la part che el pubblic l'è cont ti fin da quand te guadagnet la scena.” Sì, si', ghe s'eri anca mi. Podi forsi sta lontan da la mia Raimondina E insema a mi gh'era on pubblic fantastic. Lu sì che l'ha savù apprezzà el laor del Dal Compare e la presenza del Vellfarista( Assessore al Welfare. Ona volta se diseva: Sanità) Giulio Gallera. I alter hann cantaa, cicciaraa, replicaa, mi e la Raimondi gh'emm fa on duetto de ann '50, vintage de la comicità familiare. Quella che la parlava di marì fanigotton, de miè organizaa (varda la coppia de la Settimana Enigmistica Andy e Capp ovvero Carlo e Alice), e tutti i marìi e mièe del cimena, litigios, smorfioson i donn, fa ballà l'oeucc i omen.

 

QUEI CHE HANN COMPRÀ el Gran Liber di Parolasc e a la mattina quand se sveglien tacchen a vosà voltand pagina a seconda de l'insult: Magatell, Sabetta, Cocùmer, Mena i Ciapp, Pattusc, Ciola, Magari, Perpetua, Pervers, Lanfanna, Martuff, Slandra, Cozzot, Cinchetinfrin, Bagolon, Sanguetta, Rangognon- Rachitegh- Rammificaa. E sull'ultim epiteto vegnù foeura da la bocca de la mièe, el coniuge el resta de sass in coppa a 'sta confession, la varda la donna de la soa vita, alza el brasc come volella piccà e el pronuncia con vos ciara “ Barbòna”. El ver insult milanes. Chi l'è ch'el dis che i barboni gh'inn pu el se sbaglia. N'hoo vist voeuna nella galleria dell'Arengari, i piena piazza del domm. La gh'aveva attorna sac, sacchett, pacch, pacchett. Sporca, vuncia e spussolenta. La telefonava cont el cellular. Quand l'ha m'ha vist l'ha fa scarligà dall'oreggia alla panscia. Me sont mis a ridd e gh'hoo dit: te domandet la carità col cellulare L'ha ma rispost pronta. “Telefonavi a on collega che el gh'ha la postazion in Galleria del Corso. Ghe domandavi de fa on scambi che chi la butta pocch e nient. E lu el me rispondeva che hinn passà i temp grass. L'aveva appena sentì ona barbona in cors Venezia visin ai Giardini Pubblici. Anca lee l'era rabbiosa. E on so amis in Corso Buones Aires in mezza giornada l'aveva tirà su vint ghei (centesimi). “Sbatten tutti via i danè per comprà Bitcoin. Mi me sa che l'è on' altra ciolada. Fortuna che cont el cellulare gh'hoo la mia ret (rete) privada. Se pàssom la vos. I Bitcoin i e ciappom no”. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

I Consiglieri

 

Consiglio Direttivo:

Presidente: Cav. Dott. Renato Dal Compare

Vice presidente:Prof. Augusto B. Federici  

Direttore sanitario: Marco Ieri

Revisore dei conti : Antonio Navassa 

  

Consiglieri:


Loredana Lopetrone 
Massimo Aiello 
Gabriele Pozzoli 
Pier Felice Grillo 
Giuseppe Marco Sala
Tiziana Chiusa

Segretaria Presidente: Arianna Soffientini 

Volontaria Addetto Stampa: Ida Giuseppina Mannelli

Volontario addetto web: Domenico De Sanctis

 

Facebook

  Seguici su facebook

Utenti Collegati

Abbiamo 8 visitatori e nessun utente online